Si sono considerati cattivi: la diagnosi di “autismo” nell’età adulta

Molte persone che soffrono di autismo, tutte le loro vite si sono considerate cattive fino a quando non hanno ricevuto la giusta diagnosi. Quali sono le caratteristiche dell’adozione della verità sul loro disturbo in età adulta e perché “meglio che mai”?

“. Ciò che non aveva il nome e portato alla vita e alla comunicazione con gli altri molte difficoltà possono essere basate sulla causa della natura medica. Conoscendoli, sia la persona che i suoi cari iniziano a navigare nella situazione e capire come costruire relazioni con il mondo esterno – e talvolta con l’interno.

Un altro approccio

Il mio amico è sempre stato, come si suol dire, strano. I parenti familiari e persino lo consideravano insensibile, scortese e pigro. Non incontrando direttamente con tali manifestazioni del suo personaggio, probabilmente mi piace il resto, ricordavo lo stigma che coloro le cui aspettative non erano all’altezza di lui.

E solo dopo quasi 20 anni di conoscenza con lui, dopo diversi anni di formazione in psicologia e leggendo molte pubblicazioni sull’argomento, il sospetto è stato presentato su di me: forse ha una razza – un disturbo dello spettro autistico. Sindrome di Asperger o qualcos’altro, ovviamente, era una diagnosi del mio compito o del mio diritto. Ma questa

Carino: Teaking al suo tutto e colloquio con meglio Viagra o Cialis – Ad esempio, fragola o caramelle – dalla sua bocca in bocca, costringendolo a indovinare cosa fosse.

idea ha suggerito come creare comunicazioni con esso nel lavoro su un progetto congiunto. E tutto è andato al meglio. Non sono d’accordo con nessuna delle valutazioni negative da lui stabilite e provo compassione per una persona che deve vivere con la sensazione che non sia “mi piace”.

Stigma per la vita

Molte persone di età superiore ai 50 anni, che alla fine della loro vita hanno diagnosticato l’autismo, sono cresciuti, considerandole male. Questi sono i dati del nuovo studio dell’Università dell’Inghilterra Raskin, pubblicati sulla rivista “Psychology of Health and Behavioral Medicine”. Un gruppo di scienziati universitari ha intervistato nove persone di età compresa tra 52 e 54 anni. Alcuni partecipanti hanno affermato che durante l’infanzia non avevano amici, si sentivano isolati. Essendo diventati adulti, non riuscivano ancora a capire perché le persone si relazionano in modo così diverso. Alcuni hanno svolto corsi per il trattamento e la depressione.

Il dott. Stephen Stagg, insegnante di psicologia senior presso l’Università dell’Inghilterra, Raskin e il principale autore dello studio, afferma: “Sono stato profondamente influenzato da uno degli aspetti identificati nelle conversazioni con i partecipanti al progetto. Il fatto è che queste persone sono cresciute, considerandosi male. Si chiamavano estranei e “non persone”. È molto difficile vivere con questo “.

Questo è il primo studio di questo tipo in cui viene studiato il fenomeno della diagnosi nella mezza età. Gli scienziati credono anche che ciò possa essere di grande beneficio per le persone. I partecipanti spesso lo hanno descritto come il momento di “Euryk”, che ha portato loro sollievo. Una comprensione più profonda e chiara delle proprie caratteristiche ha permesso loro di capire perché le altre persone hanno reagito negativamente.


Posted

in

by

Tags:

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *